Autunno, quanto ci sei mancato! Giornate piovose, fatica a uscire di casa, voglia solo di divano e copertina. E mentre il corpo lentamente si abitua (o, per meglio dire, si arrende) a lottare ogni mattina contro l’istinto al letargo, verso l’ora di pranzo si accende un improvviso entusiasmo. Perché è Novembre. E l’olio nuovo sta arrivando sulle nostre tavole.

In questo periodo dell’anno ogni pasto in Toscana si conclude con pane e olio. Non è semplicemente un’abitudine, è proprio il corpo che lo richiede, ne sente la necessità quasi fosse un bisogno primario. Fame, sete, sonno, fettunta.

L’olio di oliva è un elemento principale della dieta mediterranea e le sue proprietà benefiche per la salute sono state ampiamente studiate e provate. Ma, si sa, ciò che fa bene non sempre ci piace. E allora perché l’olio invece ci strapiace?

Perché fa parte della storia della nostra vita. Ci aiuta a cadenzare le stagioni, gli anni, i ricordi. Viaggiamo, ci trasferiamo, ci perdiamo, ma l’odore e il sapore pizzichino dell’olio immediatamente ci riportano a casa. E’ la nostra madeleine. Non abbiamo scelta: è la consistenza stessa dell’olio che lo rende avvolgente e non facilmente removibile. Quando prepariamo la fettunta siamo autorizzati a dimenticare le buone maniere e a sporcarci, perché è assolutamente necessario ungersi le dita. E come gli antichi atleti che si ungevano il corpo prima di iniziare la gara, anche noi dopo una fettunta siam pronti per affrontare ogni prova. C’è chi dice che bocca unta non disse mai male e, anche se il proverbio è usato per altri comportamenti, è pur vero che il pan con l’olio ha anche un effetto calmante!

Un modo divertente e piacevole per capire la devozione che si ha in Toscana per l’olio di oliva è provare il nostro tour “Tra arte e Olio”. Sarete accompagnati a visitare lo storico Frantoio di Santa Téa a Reggello, nelle colline della provincia fiorentina. E al termine del viaggio nella storia della produzione dell’oro verde, finalmente potrete assaggiare la fettunta!

Ph Martin Bauer
Ph Martin Bauer

Commenti

Lascia un commento